Fulvio Rudari - 2014 - cirmolo - cm 100 x 120


La località Freri oggi denomina la zona presso il torrente Magnone ove si trovavano gli antichi insediamenti industriali.
I Freri, ossia i fabbri ferrai lavoravano in una fucina che sfruttava l’energia delle acque impetuose del Magnone per muovere il maglio e alimentare le forge attraverso il soffio della “bot de l’òra”, un dispositivo ingegnoso che convogliava l'aria spostata dallo scorrere dell’acqua per ravvivare le fiamme.
Le officine della famiglia Briosi erano rinomate peri lavori in ferro già nel Settecento e forse ancora prima di allora.
Un insediamento di Pranzo, presso cui lavorarono fino a una quarantina di persone, fu attivo fino al 1970.